domenica 13 settembre 2015

APPUNTI DI GASTROSOFIA - Il Taràssaco

Gli animali si nutrono, l’uomo mangia, ma solo l’uomo intelligente sa mangiare.
(Jean Anthelme Brillat-Savarin) 

Il taràssaco (taraxacum officinale Weber) è la più diffusa, la più pregiata e la più disprezzata delle erbe spontanee. Nell’Orvietano e nel Viterbese lo chiamano “pisciacane” e altrove dente di cane, soffione, cicoria selvatica, cicoria asinina, grugno di porco, ingrassaporci, insalata di porci, lappa, missinina, piscialletto. È una prova della deficienza della ragione umana e del dilagare del pregiudizio. Dal punto di vista medicinale le sue virtù sono straordinarie, già conosciute nell’antichità e confermate dalla ricerca scientifica. Dal punto di vista culinario, è indispensabile nella MISTICANZA e adatto a essere mangiato cotto e crudo in vari modi. Dal fiore, mescolato allo zucchero, si ricava un miele splendidamente colorato.

1 commento:

GoogleSantaBanta ha detto...

Even after the desire to give heart to all the female escorts in Pune, we are happy to see you, they are also your heart's desire.

Follow us:
Pune Escorts